Skip to content

Manchette di prima

EDICOLA ELBANA SHOW

Quello che l'altri dovrebbero di'

Manchette di prima

BREAKING NEWS

Sanità Elba, Landi (Lega): Stanchi di promesse non mantenute e scelte sbagliate

Il con­si­glie­re regio­na­le annun­cia nuo­va inter­ro­ga­zio­ne a Giun­ta regionale
“Gli elba­ni sono stan­chi di assi­ste­re alle soli­te pas­se­rel­le sul­la sani­tà e al ritor­nel­lo di pro­mes­se pun­tual­men­te disat­te­se. Così come del­la man­can­za di visio­ne e di con­si­de­ra­zio­ne del­la spe­cia­li­tà del­la nostra iso­la. L’assessore Bez­zi­ni met­ta nero su bian­co le inten­zio­ni del­la Regio­ne sul­la sani­tà elbana”.
Così il con­si­glie­re regio­na­le del­la Lega Mar­co Lan­di com­men­tan­do gli esi­ti dell’incontro di Por­to­fer­ra­io e annun­cian­do un’interrogazione scrit­ta sul pre­sen­te e il futu­ro del siste­ma salu­te all’Elba.
“Mol­ti dei pro­ble­mi oggi sul tavo­lo sono gli stes­si di anni fa, mol­ti altriaggiun­ge Lan­di — comin­cia­no a mani­fe­star­si ed esplo­de­ran­no a bre­ve: come han­no fat­to nota­re le asso­cia­zio­ni, man­ca­no spe­cia­li­sti e ne man­che­ran­no sem­pre più. La popo­la­zio­ne sta invec­chian­do ma la geria­tria non è una prio­ri­tà. La guar­dia medi­ca spes­so rispon­de da Livor­no costrin­gen­do ad inta­sa­re un pron­to soc­cor­so già a cor­to di medi­ci. Pazien­ti dia­liz­za­ti che non pos­so­no fare affi­da­men­to su un nefro­lo­go, car­dio­lo­gia ridot­ta all’osso, solo per fare alcu­ni esem­pi. Il pro­ble­ma è il ‘siste­ma’ crea­to dal fami­ge­ra­to pia­no sani­ta­rio del 2015 che met­te anche in seria dif­fi­col­tà il lavo­ro dei medi­ci di base. E su tut­to l’ombra di un inse­ri­men­to insen­sa­to dell’Elba nel ter­ri­to­rio dell’ospedale uni­co del­le val­li etru­sche, con Ceci­na e Piom­bi­no: una scel­ta scel­le­ra­ta per­ché un ospe­da­le insu­la­re non può far par­te di una strut­tu­ra con­ti­nen­ta­le. Pro­get­to che inol­tre ridur­reb­be la strut­tu­ra di Por­to­fer­ra­io a ospe­da­le di ulti­mo livel­lo”, incal­za l’e­spo­nen­te del­la Lega.
“Non lo accet­tia­mo, così come non accet­tia­mo che gli impe­gni assun­ti uffi­cial­men­te dal­la giun­ta — come nel caso dei miei atti sul­la sani­tà elba­na in gene­ra­le e sul­la com­mis­sio­ne medi­ca per le paten­ti — non abbia­no segui­to. La pazien­za è fini­ta”, con­clu­de Landi.

Rispondi