Skip to content

Manchette di prima

EDICOLA ELBANA SHOW

Quello che l'altri dovrebbero di'

Manchette di prima

BREAKING NEWS

Il progetto Elba degli Etruschi si chiude con la pubblicazione del volume di Andrea Dini, Graziano Rinaldi, Patrizia Lupi “Elba: I fiori della terra

Nell’ambito del pro­get­to Elba degli Etru­schi, inse­ri­to dal­la Regio­ne Tosca­na nel pro­gram­ma del­le ini­zia­ti­ve per le cele­bra­zio­ni del­la “Gior­na­ta degli Etru­schi”, coor­di­na­to da Sabri­na Busa­to Pre­si­den­te di FEISCT, Fede­ra­zio­ne Euro­pea iti­ne­ra­ri sto­ri­ci, cul­tu­ra­li, turi­sti­ci, è sta­to pub­bli­ca­to il volu­me “Elba: I fio­ri del­la ter­ra – La straor­di­na­ria diver­si­tà geo-mine­ra­lo­gi­ca del­la ter­ra degli Etru­schi” per i tipi dell’Editore Mova­bi­li­ty Books di SIMTUR. Si trat­ta del secon­do qua­der­no del­la Rivi­sta Enjoy Elba and the Tuscan Archi­pe­la­go” scrit­to e cura­to da Andrea Dini e Gra­zia­no Rinal­di, con il coor­di­na­men­to edi­to­ria­le di Patri­zia Lupi.
Gli auto­ri pro­pon­go­no una let­tu­ra nuo­va ed accu­ra­ta del fan­ta­sti­co patri­mo­nio geo-mine­ra­lo­gi­co elba­no, illu­stran­do­lo anche attra­ver­so le imma­gi­ni. Oltre all’aspetto rigo­ro­sa­men­te scien­ti­fi­co, la nar­ra­zio­ne ripor­ta ai tem­pi più anti­chi del­la for­ma­zio­ne del nostro pia­ne­ta e dell’Arcipelago Tosca­no e a colo­ro che lo han­no abi­ta­to. Rinal­do­nia­ni, Etru­schi, Roma­ni, Pisa­ni del­le Repub­bli­ca Mari­na­ra, fran­ce­si, spa­gno­li, tosca­ni fino agli Elba­ni dei tem­pi più recen­ti che — come Lui­gi Cel­le­ri o Alfeo Ric­ci — han­no sca­va­to e rac­col­to mine­ra­li di incre­di­bi­le bel­lez­za e valo­re. Que­gli stes­si mine­ra­li che han­no richia­ma­to sull’Isola stu­dio­si, esper­ti, col­le­zio­ni­sti da tut­to il mon­do per­ché l’Elba offre una incre­di­bi­le ric­chez­za di varie­tà, rac­chiu­se in un pic­co­lo scri­gno del­la natu­ra in mez­zo al mare, che la ren­do­no uni­ca. E di que­sti mine­ra­li, che por­ta­no nomi stra­ni e fan­ta­sio­si, spes­so di chi li ha sco­per­ti o dei luo­ghi dove sono sta­ti tro­va­ti come l’Ilvaite, se ne con­ti­nua­no a copri­re spe­cie sco­no­sciu­te: fra le ulti­me la Cel­le­rii­te, da Lui­gi Cel­le­ri, appunto.
Otto i capi­to­li del libro, dei qua­li l’ultimo, fir­ma­to da Lau­ra Paglian­ti­ni, dedi­ca­to alla sto­ria degli Etru­schi che fra i pri­mi tras­se­ro ric­chez­za ed oppor­tu­ni­tà di scam­bi com­mer­cia­li e cul­tu­ra­li dai ric­chi gia­ci­men­ti di fer­ro elba­ni. Evo­ca­ti­vo il tito­lo di cia­scun capi­to­lo che intro­du­ce i testi dedi­ca­ti non solo alla diver­si­tà geo-mine­ra­lo­gi­ca dell’Elba ma anche alle gen­ti che l’hanno abi­ta­ta, da sem­pre cro­ce­via del­le rot­te medi­ter­ra­nee, ai miti e alla sto­ria che l’hanno vista pro­ta­go­ni­sta del­lo svi­lup­po del­le civil­tà mediterranee.
Il volu­me è anche una gui­da inso­li­ta per quei viag­gia­to­ri, curio­si ma rispet­to­si dell’ambiente, capa­ci di apprez­za­re i van­tag­gi di un turi­smo len­to e soste­ni­bi­le. I pri­mi set­te capi­to­li sono dedi­ca­ti a diver­se loca­li­tà da visi­ta­re, che cor­ri­spon­do­no alle aree geo­gra­fi­che nel­le qua­li può esse­re divi­sa l’Isola d’Elba, e si rivol­ge agli esper­ti di mine­ra­lo­gia, geo­lo­gia e geo­chi­mi­ca, ma anche a colo­ro che affa­sci­na­ti dal­la bel­lez­za dei pae­sag­gi elba­ni inten­do­no met­ter­si alla ricer­ca dei gio­iel­li del­la ter­ra, guar­dan­do con occhi più atten­ti e con­sa­pe­vo­li gli affio­ra­men­ti del­le roc­ce sem­pre diver­se o i colo­ri di una spiag­gia o di un fon­da­le marino.
Affian­ca­no la let­tu­ra le bel­lis­si­me imma­gi­ni che l’autore Andrea Dini ha rac­col­to nei suoi lun­ghi viag­gi di ricer­ca sull’Isola che lo ha visto fin da bam­bi­no gio­ca­re fra ghia­ie e pare­ti roc­cio­se. Come quel­le di Gra­zian­do Rinal­di rac­col­te con pas­sio­ne e con­ti­nua mera­vi­glia duran­te il suo lavo­ro di natu­ra­li­sta, esper­to e impren­di­to­re, che lo ha por­ta­to sull’Isola mol­ti anni fa, dal­la qua­le non si è più separato.
Il pro­get­to “Elba degli Etru­schi” idea­to da Patri­zia Lupi e Sabri­na Busa­to, che ha come capo­fi­la il Par­co Mine­ra­rio dell’Isola d’Elba, ha visto la par­te­ci­pa­zio­ne di nume­ro­si part­ner che han­no con­tri­bui­to con­cre­ta­men­te alla rea­liz­za­zio­ne del pro­gram­ma: FEISCT, Enjoy Elba and the Tuscan Archi­pe­la­go Maga­zi­ne, Par­co Nazio­na­le Arci­pe­la­go Tosca­no, ISPRA-ReMI, IGG – Isti­tu­to di Geo­scien­ze e Geo­ri­sor­se del CNR, Dipar­ti­men­to di Scien­ze del­la Ter­ra dell’Università di Pisa, MUM-Museo Mie­ra­lo­gi­co Lui­gi Cel­le­ri, Archeo­lo­gia Dif­fu­sa A.P.S., le Pro Loco di Cam­po, Rio, Por­to Azzur­ro e Capo­li­ve­ri, Asso­cia­zio­ne cul­tu­ra­le Car­lo D’Ego, Caput Libe­rum e Comu­ne di Capo­li­ve­ri, La Pic­co­la Minie­ra, Ita­lia Nostra Arci­pe­la­go Tosca­no, Acca­de­mia del­la cuci­na-dele­ga­zio­ne Elba, L’Elba del Vici­no, Infoel­ba, Acqua dell’Elba, SIMTUR, VisitElba.
Il pro­gram­ma del 2021 com­pren­de­va oltre a due con­fe­ren­ze di aper­tu­ra e di chiu­su­ra del pro­get­to, una serie di visi­te gui­da­te ed escur­sio­ni, dura­te un mese, nei luo­ghi di inte­res­se natu­ra­li­sti­co e sto­ri­co dei comu­ni di Rio, Capo­li­ve­ri, Por­to Azzur­ro e Cam­po. Per l’occasione sono sta­te aper­te gra­tui­ta­men­te ai visi­ta­to­ri le sale del Museo mine­ra­rio di Rio Mari­na, quel­lo archeo­lo­gi­co di Rio Elba come anche il museo MUM – Museo Mine­ra­lo­gi­co Lui­gi Cel­le­ri di Cam­po nell’Elba a San Pie­ro. A que­sto si sono affian­ca­te altre strut­tu­re pub­bli­che e pri­va­te come il Museo del Mare di Capo­li­ve­ri e la Pic­co­la Minie­ra di Por­to Azzur­ro. Le gui­de, mes­se a dispo­si­zio­ne dal PNAT e dal­la Caput Libe­rum, han­no accom­pa­gna­to i visi­ta­to­ri sul­le Stra­de del gra­ni­to, alle minie­re di Rio e di Cala­mi­ta, ma anche nei pae­si alla sco­per­ta del­la vita quo­ti­dia­na dei mina­to­ri e cava­to­ri, gra­zie alla col­la­bo­ra­zio­ne con le Pro Loco di Por­to Azzur­ro, Capo­li­ve­ri, Rio e Cam­po ed alle asso­cia­zio­ni culturali.
Il pro­get­to ver­rà ripro­po­sto anche quest’anno, allar­gan­do­lo ad altri Comu­ni e sog­get­ti pub­bli­ci e pri­va­ti elba­ni, per arric­chi­re la pro­po­sta cul­tu­ra­le dell’Isola.

Per infor­ma­zio­ni:



www.feisct.wordpress.com
www.enjoyelba.eu
www.parcominelba.it
www.simtur.it

Rispondi