Skip to content

Sanità odontoiatrica per la cura dei denti ai bambini e alle persone disabili; l’ Elba si arricchisce di un servizio di grande importanza

Vener­dì 14 nel nostro ospe­da­le di Por­to­fer­ra­io un bam­bi­no di cir­ca 6 anni, non col­la­bo­ran­te, è sta­to ope­ra­to con ane­ste­sia gene­ra­le in sala ope­ra­to­ria per risol­ve­re un gra­ve pro­ble­ma di boni­fi­ca dentaria.
Le esi­gen­ze dei pazien­ti diver­sa­men­te abi­li infat­ti sono note­vol­men­te ampli­fi­ca­te ed è com­pi­to del den­ti­sta rico­no­scer­le e defi­ni­re i meto­di di trat­ta­men­to miglio­ri per met­ter­lo a pro­prio agio con ras­si­cu­ra­zio­ni con­ti­nue per poter ope­ra­re in una situa­zio­ne di tota­le tranquillità.
Cura­re i den­ti ai bam­bi­ni e alle per­so­ne adul­te non col­la­bo­ran­ti può esse­re pro­ble­ma­ti­co. Alcu­ni pos­so­no ave­re pro­ble­mi ad acce­de­re all’am­bu­la­to­rio odon­to­ia­tri­co e per­fi­no a seder­si sul­la pol­tro­na del den­ti­sta. Pazien­ti con dif­fi­col­tà di appren­di­men­to pos­so­no diven­ta­re ecces­si­va­men­te ansio­si anche al pen­sie­ro di anda­re dal dentista.
Per l’El­ba è un moti­vo di orgo­glio que­sto inter­ven­to chi­rur­gi­co e si spe­ra, visto che anco­ra non esi­ste un pro­to­col­lo che uffi­cia­liz­zi la pos­si­bi­li­tà di ese­gui­re sul­l’I­so­la inter­ven­ti chi­rur­gi­ci odon­to­ia­tri­ci ai bam­bi­ni e agli adul­ti con disa­bi­li­tà, che l’A­SL pos­sa rive­de­re que­sto per­cor­so di cure e inter­ven­ti che se fat­ti all’El­ba evi­te­reb­be a que­ste per­so­ne viag­gi di tra­sfe­ri­men­to a Livor­no con atro­ci mal di denti.
Per infor­ma­zio­ni e spie­ga­zio­ni in meri­to pote­te rivol­ger­vi all’am­bu­la­to­rio odon­to­ia­tri­co del­l’o­spe­da­le dal­le 8,00 alle 14,20. INOLTRE infor­mia­mo che tut­ti i gior­ni dal­le 8,00 alle 14,20 l’am­bu­la­to­rio odon­to­ia­tri­co fa ser­vi­zio per tut­ti con acces­so diret­to sen­za impe­gna­ti­va del Medi­co di famiglia.
Curar­si i den­ti signi­fi­ca anche risol­ve­re qual­che pro­ble­ma digestivo.
Comi­ta­to Elba Salute.
(Fran­ce­sco Semeraro)

Rispondi