Skip to content

Manchette di prima

EDICOLA ELBANA SHOW

Quello che l'altri dovrebbero di'

Manchette di prima

BREAKING NEWS

Il mio amico Jimi. Il 18 Dicembre il concerto in ricordo di Trick

Si ter­rà il 18 dicem­bre dal­le ore 21:00 pres­so il Tea­tro dei Vigi­lan­ti “Rena­to Cio­ni” la XII edi­zio­ne de “Il mio ami­co Jimi”, con­cer­to annua­le per ricor­da­re la pre­ma­tu­ra scom­par­sa di Giu­sep­pe Catan­za­ro “Trick”.
Anche que­st’an­no si esi­bi­ran­no per l’oc­ca­sio­ne musi­ci­sti elba­ni chia­ma­ti dagli orga­niz­za­to­ri a ono­ra­re la memo­ria di un loro grande
ami­co, ispi­ra­to­re musi­ca­le del movi­men­to “under­ground” che è sta­to capa­ce di for­gia­re arti­sti di gran­de talento.
Saran­no pro­prio loro a riu­nir­si alle por­te del­le festi­vi­tà nata­li­zie per fare musi­ca in suo onore.
Dopo l’e­di­zio­ne del 2020 svol­ta­si per ovvi moti­vi in assen­za di pub­bli­co con la rea­liz­za­zio­ne di un video in cui i musi­ci­sti si
esi­bi­va­no da casa (qui il link del video

), quel­la di que­st’an­no si ripre­sen­ta final­men­te dal vivo e le band ese­gui­ran­no pro­pri bra­ni inediti.
Abi­tual­men­te il rica­va­to del con­cer­to vie­ne devo­lu­to ad asso­cia­zio­ni bene­fi­che ope­ran­ti sul ter­ri­to­rio elba­no. Que­st’an­no i pro­ven­ti ver­ran­no devo­lu­ti all’as­so­cia­zio­ne “DIVERSAMENTE SANI ISOLA D’ELBA”: IBAN: IT 04 U 07048 70740 0000 0000 5482
http://www.diversamentesanielba.it/
Non è pre­vi­sta prevendita.
Per info con­tat­ta­re Andrea: 3882421597
Chi era Trick?
Trick è sta­to un roa­die, foni­co di pal­co e musi­ci­sta di alcu­ni dei grup­pi più impor­tan­ti del pro­gres­si­ve ita­lia­no come Raccomandata
con Rice­vu­ta di Ritor­no, Peri­geo, e quin­di Clau­dio Baglio­ni, Anto­nel­lo Ven­dit­ti, Enzo Jan­nac­ci ecc.
Trick è venu­to a man­ca­re nel 2010 e por­ta­to all’Isola d’Elba, dove viveva.
Di segui­to pub­bli­chia­mo un pic­co­lo ricor­do del suo inse­pa­ra­bi­le ami­co Lucia­no Regoli.
Roma 1968 — Quel quar­tie­re era uno dei più peri­co­lo­si di Roma e pur­trop­po finim­mo per viver­ci sva­ria­ti anni io e 
Trick.All’inizio era­va­mo solo due ragaz­zi­ni che vole­va­no tirar­si fuo­ri da quel­la situa­zio­ne. Ladri di pol­li, ladri veri, giovani 
pro­sti­tu­te che avreb­be­ro fat­to la feli­ci­tà di Paso­li­ni era­no l’umanità che tra­su­da­va da que­gli orren­di palaz­zo­ni, che ormai 
era­no diven­ta­ti gabbie.Per fug­gi­re da quel­la oppres­sio­ne ce ne anda­va­mo vaga­bon­di per la cam­pa­gna che cir­con­da­va quel 
ghet­to in cer­ca di un po’ di pace, ma spes­so tro­va­va­mo solo figli di buo­na don­na che ci sfi­da­va­no, e dove­va­mo per forza 
pic­chiar­ci o fare a sas­sa­te; oppu­re scen­de­va­mo nel­le cave di poz­zo­la­na, grot­te buie e abi­ta­te da bar­bo­ni vec­chi, che ci 
rac­con­ta­va­no le mera­vi­glie di quel­la vita libera.Tutto que­sto fece sì che per noi vive­re libe­ra­men­te diven­ne un impe­ra­ti­vo, ma 
ci vole­va un cata­liz­za­to­re che arri­vò pun­tual­men­te, e fu la musica.Trick capi­va la musi­ca nel­la sua acce­zio­ne più lata, più di 
chiun­que altro aves­si cono­sciu­to. Pas­sa­va la not­te ad ascol­ta­re Radio Luxem­bourg che tra­smet­te­va rock da una nave al largo 
dell’ Inghil­ter­ra, e si fece una cul­tu­ra under­ground note­vo­le per l’epoca.Quando sogno di lui lo vedo sem­pre nel­la stessa 
manie­ra, gio­va­ne, capel­li lun­ghi appic­ci­co­si, baf­fi mes­si­ca­ni, splen­di­da den­ta­tu­ra western alla Ser­gio Leo­ne, attil­la­tis­si­mo e 
con la siga­ret­ta penzoloni.

Rispondi