Skip to content

Addio a Massimo Della Rosa — Ciao Amico mio…

“Con un salu­to ed un inchi­no, vi salu­ta Mas­si­mi­no.…” e ride­vi cer­can­do sor­ri­si com­pia­cen­ti che sape­vi non sareb­be­ro mai arri­va­ti per­chè sta stron­za­ta face­va ride­re solo te.…
Quan­do poi il curio­so di tur­no, veden­do le nostre diver­se per­so­na­li­tà chie­de­va: ” Ma come vi sie­te cono­sciu­ti?” e lui li si piscia­va addos­so: diglie­lo diglie­lo.… e par­ti­va un rac­con­to vero: Per moti­vi di lavo­ro man­do una serie di mail ad ini­zio sta­gio­ne con noti­fi­ca di let­tu­ra a tut­ti gli Hotel che, nor­mal­men­te leg­go­no, c’è chi chia­ma, chi non mi caca ma mai era suc­ces­so che un Hotel mi cesti­nas­se la mail sen­za nem­me­no aprirla.…dè…ero una bestia, un giro di mes­sag­gi velo­ci a tut­ti i miei ami­ci a cui chie­do se cono­sce­va­mo qual­cu­no che lavo­ra­va al Desi­ree e tra le tan­te rispo­ste spic­ca quel­la di Pie­ran­ge­lo Ven­tu­ri­ni: Dee ci lavo­ra Gab­bia­no.… aspet­ta che ci pen­so io
In due minu­ti mi suo­na il cel­lu­la­re e Mas­si­mo del­la Rosa det­to Gab­bia­no mi con­vo­ca per la mat­ti­na seguen­te giu­sti­fi­can­do­si un pò alla caz­zo per que­sta mail non letta.
Ok, vado, Ven­tu­ri­ni mi dice: Daii sona la bat­te­ria nei Sugar Boys.…Boh…so un caz­zo io…vabbè vado.
Si apro­no le por­te e mi tro­vo st’at­trez­zo pela­to, co una bel­la cami­cia bian­ca che m’ imbria­ca di discor­si, un c’ era ver­so di parlà…dopo ven­ti minu­ti di mono­lo­go suo e io che veni­vo inter­rot­to con: Stai Zit­to un’ atti­mo ( e cazzo…parli solo te e devo sta anche zit­to un’ atti­mo io) mi sfa­vo, mi alzo e: Come ti chia­mi? Mas­si­mo? Bene, Mas­si­mo vat­te­neaf­fan­cu­lo e me ne vado, m hai rot­to i coglio­ni… lui rima­ne di mer­da men­tre io giro il culo e me ne vado… dopo due gior­ni sera­ta a Risto­ran­te “Quat­tro Gat­ti” e Ven­tu­ri­ni: Ho chia­ma­to anche a Del­la Rosa.… Nooooooo che paio di coglio­ni.. e Pie­ran­ge­lo: No, lo devi cono­sce, sem­bra un rom­pi­co­glio­ni, ma inve­ce lo è…zitto e sona.
Da quel­la sera, guai a chi mi toc­ca­va Mas­si­mi­no… era di pro­prie­tà nostra, nes­su­no ce lo pote­va toc­cà, e’ sta­to un col­po di ful­mi­ne pro­prio come suc­ce­de quan­do t’ innamori.
Quan­te ne potrei rac­con­tà, ma ora, in que­sto momen­to di mer­da, il mi cer­vel­lo mi riman­da allo scher­zo del­la por­ta in Cor­si­ca. Tut­ti l’han­no visto e chi non l’ ave­va visto era il pri­mo lui a far­glie­lo vede­re, per­chè s’ era fat­to real­men­te male, ma come gli era gar­ba­ta quel­la Zin­ga­ra­ta, libe­ra, sce­ma, scon­clu­sio­na­ta pro­prio come la nostra amicizia.
Tan­ti sono gli ane­dot­ti, tan­te le risa­te e tan­te le sera­te pas­sa­te a fà li sce­mi e a ride­re di gusto.
Con Mas­si­mo va via una par­te alle­gra del­la mia vita, una par­te fat­ta di scaz­zo tra per­so­nag­gi total­men­te diver­si tra loro ma con la voglia e l’e­si­gen­za di pren­de­re tut­to alla leggera.
Ciao Ami­co, sei sta­to un com­pa­gno di gio­chi inso­sti­tui­bi­le e ti ricor­de­re­mo ad ogni sera­ta per­chè nes­su­no muo­re se non è dimen­ti­ca­to. Vola alto Gabbiano
“Con un salu­to ed un inchi­no, vi salu­ta Massimino.…” 
Ciao Vesco­vo, t ho volu­to dav­ve­ro bene e te lo sapevi.

Un commento

  1. Martino Solito

    Ste­fa­no hai descrit­to benis­si­mo il nostro ami­co in comune,ora spe­ro che ci man­da un mes­sag­gio affin­ché stia bene.❤❤❤

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: