Skip to content

La minoranza riese interroga la giunta sulla tassa di sbarco in questo momento di emergenza sanitaria

Nel­la gior­na­ta di ieri il grup­po con­si­lia­re di mino­ran­za Ter­ra Nostra del Comu­ne di Rio ha pro­ce­du­to ad una inter­pel­lan­za aven­te a ogget­to la que­stio­ne del­la tas­sa di sbar­co in que­sto perio­do di emer­gen­za sanitaria.

Con que­sta inter­pel­lan­za è sta­to pro­po­sto al sin­da­co Mar­co Cor­si­ni di avvia­re una discus­sio­ne pres­so la Con­fe­ren­za dei Sin­da­ci Elba­ni per con­cor­da­re una ridu­zio­ne dell’importo di que­sta tas­sa, coin­vol­gen­do anche le asso­cia­zio­ni rap­pre­sen­ta­ti­ve del­le cate­go­rie eco­no­mi­che, al fine di ren­de­re meno gra­vo­se le ine­vi­ta­bi­li rica­du­te eco­no­mi­che del set­to­re turistico.

Se non fos­se pos­si­bi­le rag­giun­ge­re un’in­te­sa del gene­re a livel­lo elba­no, ha aggiun­to Ter­ra Nostra, si potreb­be­ro fare scon­ti sul­la tas­sa di sbar­co per chi sce­glies­se di pas­sa­re le vacan­ze nel Comu­ne di Rio, attin­gen­do alla quo­ta pre­sun­ta annua­le di con­tri­bu­to o pren­den­do accor­di diret­ta­men­te con le bigliet­te­rie dei traghetti.

Rispondi