Skip to content

Manchette di prima

EDICOLA ELBANA SHOW

Quello che l'altri dovrebbero di'

Manchette di prima

BREAKING NEWS

Le mappe di Elba Book per ripensare la collettività senza pregiudizi. Al via la nona edizione dell’unico festival isolano dedicato all’editoria indipendente

Dal 18 al 21 luglio, il bor­go di Rio nel­l’El­ba ospiterà la nona edi­zione di Elba Book, l’u­ni­co fes­ti­val isolano ded­i­ca­to all’ed­i­to­ria indipen­dente e alla dife­sa del­la bib­lio­di­ver­sità in Italia.

Oltre alle cer­i­monie del pre­mio “Loren­zo Claris Appi­ani” per la traduzione let­ter­aria e del pre­mio “Deme­tra” per la let­ter­atu­ra ambi­en­tale indipen­dente, la man­i­fes­tazione ospiterà sul­l’iso­la nel Tir­reno tav­ole rotonde tra edi­tori, gior­nal­isti, scrit­tori e oper­a­tori cul­tur­ali, per­for­mance teatrali e pause cre­ative per i più pic­coli coi lab­o­ra­tori di ElbaKids, curati dal Sis­tema Muse­ale del­l’Arcipela­go Toscano, focal­iz­za­ti sul con­cet­to di ori­en­ta­men­to, spe­cial­mente del sin­go­lo nei con­fron­ti di una comu­nità diver­si­fi­ca­ta. Trat­tan­dosi di car­ta e di tut­ta la fil­iera che si occu­pa del libro in quan­to bene di con­sumo, ma anche vei­co­lo di sapere, lo staff del fes­ti­val con­tin­ua a favorire spazi di con­fron­to e di dibat­ti­to.

Qui potete trovare il pro­gram­ma com­ple­to:

Pro­gram­ma Elba Book Fes­ti­val 9, 2023

Di segui­to e in alle­ga­to, invece, il comu­ni­ca­to stam­pa, il man­i­festo e qualche scat­to del­la scor­sa edi­zione.

Uffi­cio stam­pa Elba Book

Mat­teo Bianchi – 3280116981

Clau­dia Lan­zoni – 3897635656

 

La let­tura oltre l’intrattenimento, quale stru­men­to per com­pren­dere il mon­do lib­era­mente. Da mart­edì 18 a ven­erdì 21 luglio, il bor­go di Rio nell’Elba ospiterà edi­tori, scrit­tori, gior­nal­isti, per­former e oper­a­tori del­la cul­tura e del­lo spet­ta­co­lo, che si con­fron­ter­an­no sulle nuove mappe del pen­siero. «Le mappe è il ful­cro del­la nona edi­zione di Elba Book – esor­disce Mar­co Bel­li, diret­tore artis­ti­co del fes­ti­val – e pos­sono essere di varie tipolo­gie, ma in tutte è pos­si­bile trovare relazioni e con­nes­sioni: spie­gano, unis­cono, con­cor­rono a creare una comu­nità. Una nar­razione lega­ta alla col­let­tiv­ità con­tiene al suo inter­no sen­so civi­co e un impeg­no corale, ma anche sto­rie per­son­ali che si intrec­ciano le une alle altre, come al tem­po e al ter­ri­to­rio in cui ci si tro­va a vivere, arric­chen­do il con­testo di per­cor­si uni­ci e irripetibili». Non a caso, sono ven­titré gli edi­tori che han­no sposato la visione dell’iniziativa toscana, così La Vita Felice, Exòr­ma, Mar­cos y Mar­cos, Odoya e Mds, per citarne alcu­ni.

«Elba Book è il prin­ci­pale even­to cul­tur­ale del Comune di Rio – aggiunge l’assessore alla cul­tura Mat­tia … – e non cre­do di esager­are quan­do affer­mo sia il più ril­e­vante dell’intera iso­la. Per me sarà un piacere enorme rap­p­re­sentare l’amministrazione nel­la gior­na­ta inau­gu­rale, poiché l’ampio respiro dell’evento ci ha per­me­s­so di far­ci conoscere sot­to un altro pun­to di vista, non soltan­to gra­zie alle miniere e alla tradizione marit­ti­ma, ben­sì Elba Book ha dimostra­to di fare cul­tura in modo dif­fer­ente, sen­za pie­gar­si per forza alle logiche del con­sumo, e ci ha reso più inter­nazion­ali».

 

UN PALINSESTO INDIPENDENTE

Nel den­so pro­gram­ma, è pre­vista una serie di tav­ole rotonde tem­atiche: “Le mappe tra arte e let­ter­atu­ra” con Toma­so Mon­ta­nari e Pietro Catal­di; “I fumi del­la for­nace” con per­for­mance di Gior­giomaria Cor­ne­lio, Luca­mat­teo Rossi e Valenti­na Com­pag­nuc­ci; “Le mappe del­la con­tes­tazione” del­la cile­na Lola Lar­ra vis a vis con gli stu­den­ti dell’Isis “Raf­fael­lo Fore­si” di Porto­fer­raio; “Map­pare l’immaginario, map­pare il reale” con Wu Ming 1; “Per una nuo­va geografia del­la dis­tribuzione” con Ric­car­do Cav­allero e Mar­co Zap­paroli; “Car­tografie cul­tur­ali” con Hans Georg Berg­er, Fran­ca Zanichel­li e l’assessore regionale Monia Mon­ni. Par­al­le­la­mente e da domeni­ca 16, l’installazione fotografi­ca “Acquain­tance” di Max Cav­al­lari sarà la pro­tag­o­nista indis­cus­sa del cen­tro stori­co del bor­go riese, por­tan­do il travaglio dei migranti nel Mediter­ra­neo sot­to gli occhi di tut­ti. Ogni sera i lab­o­ra­tori ElbaKids si pren­der­an­no cura delle pause cre­ative dei più pic­coli, gra­zie alla dedi­zione del Sis­tema Muse­ale dell’Arcipelago Toscano, focal­iz­zan­dosi sul con­cet­to di ori­en­ta­men­to, spe­cial­mente del sin­go­lo nei con­fron­ti di una soci­età com­p­lessa e diver­si­fi­ca­ta.

 

IL PREMIO “APPIANI” PER LA TRADUZIONE LETTERARIA DALLO SPAGNOLO

Si ter­rà mart­edì 18 luglio, alle 18:30, nel­la Ter­raz­za moz­zafi­a­to del Bar­co­caio la cer­i­mo­nia di asseg­nazione del pre­mio “Loren­zo Claris Appi­ani”, che quest’anno procla­ma Francesca Laz­zara­to vincitrice dell’ottava edi­zione con la traduzione del roman­zo argenti­no Le cug­ine (Sur, 2022) di Auro­ra Valen­ti­ni. La men­zione d’onore andrà a Vale­rio Nar­doni per la traduzione di La voce a te dovu­ta (Pas­sigli, 2022) di Pedro Sali­nas. E come di con­sue­to la cer­i­mo­nia di pre­mi­azione sarà l’evento inau­gu­rale del fes­ti­val.

«Cer­ti dolori immen­si, con­tro natu­ra, come la morte di un figlio, non las­ciano nul­la di vivo. Ci sono, però, alcune per­sone benedette (non mi viene altro agget­ti­vo) che han­no la forza di trasfor­mare il loro buio in luce per gli altri. Un’amica ha cre­ato una specie di scuo­la per ragazz­i­ni in un paese del­l’Amer­i­ca lati­na – aggiunge Ilide Carmignani, mad­ri­na del riconosci­men­to – La famiglia Appi­ani, all’Elba, ha cre­ato un pre­mio di traduzione. Al di là di ciò che queste per­sone scel­go­no conc­re­ta­mente di fare, è come se in qualche modo riequi­li­brassero il des­ti­no del mon­do, facessero tornare un po’ di più i con­ti del bene e del male. E di questo, sec­on­do me, bisogna esser­gli tut­ti grati». Il pre­mio “Appi­ani” è nato con l’Università per Stranieri di Siena per cel­e­brare la memo­ria del gio­vane avvo­ca­to ucciso nel Palaz­zo di Gius­tizia di Milano e il legame con la sua ter­ra d’origine. L’obiettivo è quel­lo di dare luce alle fig­ure qua­si invis­i­bili di tradut­tori e tradut­tri­ci, attori insos­ti­tu­ibili e nec­es­sari nel del­i­ca­to proces­so di medi­azione cul­tur­ale.

 

LOLA LARRA E L’IMMAGINAZIONE DEI RAGAZZI AL POTERE

Il per­cor­so si è svilup­pa­to gra­zie a Edi­co­la Edi­ciones intorno al libro A sud dell’Alameda. Diario di un’occupazione (2018) di Lola Lar­ra e Vicente Reina­montes – Pre­mio Ander­sen 2019. Una sto­ria ispi­ra­ta ai fat­ti e ai pro­tag­o­nisti del­la Riv­o­luzione dei Pin­gui­ni, movi­men­to stu­den­tesco cileno che viene rac­con­ta­to uti­liz­zan­do il lin­guag­gio del roman­zo e del­la graph­ic nov­el. Mer­coledì 19, alle 18:30, gli stu­den­ti incon­tr­eran­no l’autrice, poten­do così con­frontar­si sul proces­so di creazione delle pro­prie forme di protes­ta e appro­fondire le tem­atiche affrontate nei lab­o­ra­tori tenu­ti durante lo scor­so anno sco­las­ti­co. Sarà anche l’occasione per portare avan­ti con la casa editrice un work­shop su pan­nel­li e slo­gan che coin­vol­gerà anche il pub­bli­co.

 

L’AMBIENTE CONQUISTA LA LETTERATURA CON IL PREMIO “DEMETRA”

Entra nel vivo la terza edi­zione del Pre­mio “Deme­tra”, riconosci­men­to ded­i­ca­to ad autori ed edi­tori indipen­den­ti che met­tono al cen­tro delle loro opere le tem­atiche ambi­en­tali, con­cepi­to da Elba Book e da Comieco – Con­sorzio per il recu­pero e il rici­clo degli imbal­lag­gi a base cel­lu­losi­ca, con la parte­ci­pazione di Seda Inter­na­tion­al Pack­ag­ing Group e il sup­por­to di Esa Ambi­ente, Uni­Coop Tir­reno e con il patrocinio del Par­co Nazionale Arcipela­go Toscano.

La Giuria, pre­siedu­ta da Ermete Realac­ci, ha selezion­a­to 12 final­isti dopo aver vaglia­to 53 opere che, som­mate a quelle can­di­date nelle due edi­zioni prece­den­ti, por­tano a oltre 150 i titoli pre­sen­tati in rasseg­na in tre anni: a tes­ti­mo­ni­an­za del cres­cente inter­esse di let­tori, autori ed edi­tori ver­so tem­atiche come la sal­va­guardia dell’ambiente, l’energia puli­ta o il rici­clo.

 

HANS GEORG BERGER E LA CULTURA AL SERVIZIO DELLE PERIFERIE

Lo staff di Elba Book, sostenu­to con con­vinzione dal Con­sorzio Comieco, asseg­n­erà pub­bli­ca­mente al fotografo Hans Georg Berg­er un encomio per il recu­pero dell’Eremo di San­ta Cate­ri­na d’Alessandria, uni­co orto botan­i­co di orig­ine medievale nell’arcipelago toscano. Gra­zie all’associazione fon­da­ta dal filantropo tedesco nei pri­mi Ottan­ta e dopo l’incontro con l’intellettuale parig­i­no Hervé Guib­ert, che lo scelse quale luo­go ide­ale per la gen­e­si delle sue opere, l’Eremo è diven­ta­to un cen­tro cul­tur­ale dep­u­ta­to all’incontro tra arte e scien­za. Sit­u­a­to sul monte Ser­ra e in cima a una per­iferie depau­per­a­ta dal sis­tema cap­i­tal­ista del pro­prio pas­sato prossi­mo, quel­lo minerario, ha con­ser­va­to le fon­da­men­ta più remote, quelle legate a un pas­sato reli­gioso e val­o­ri­ale, rima­nen­do anco­ra oggi meta di pel­le­gri­nag­gi e cam­mi­ni spir­i­tu­ali.

Rispondi