Skip to content

Manchette di prima

EDICOLA ELBANA SHOW

Quello che l'altri dovrebbero di'

Manchette di prima

BREAKING NEWS

Patteggia condanna per le catture dei cinghiali nel Parco ( ma non fermatevi al titolo )

Rice­via­mo dall’ Ente Par­co con pre­ghie­ra di pubblicazione 

Con sen­ten­za del Tri­bu­na­le di Livor­no del 9 dicem­bre scor­so, il tito­la­re dell’azienda agri­co­la fio­ren­ti­na che ave­va sti­pu­la­to un con­trat­to con l’Ente Par­co Nazio­na­le Arci­pe­la­go Tosca­no per la cat­tu­ra di cin­ghia­li e muflo­ni median­te trap­po­le dislo­ca­te sul ter­ri­to­rio elba­no nel perio­do feb­bra­io-apri­le 2018, è sta­to con­dan­na­to alla pena di un anno di reclu­sio­ne ed € 2.000,00 di mul­ta con il bene­fi­cio del­la sospen­sio­ne con­di­zio­na­le del­la pena, in appli­ca­zio­ne del così det­to “pat­teg­gia­men­to” richie­sto dal­le par­ti, per i rea­ti di truf­fa ai dan­ni di un Ente pub­bli­cofro­de nel­le pub­bli­che for­ni­tu­re e deten­zio­ne di ani­ma­li in con­di­zio­ni incom­pa­ti­bi­li con la loro natu­ra.
 
 “Anco­ra una vol­ta rin­gra­zio il Repar­to Cara­bi­nie­ri Par­co – ha affer­ma­to il Pre­si­den­te Giam­pie­ro Sam­mu­ri – per l’ottimo lavo­ro inve­sti­ga­ti­vo svol­to che, in que­sto spe­ci­fi­co caso, ha con­sen­ti­to di accer­ta­re e rin­via­re a giu­di­zio chi ave­va truf­fa­to l’Ente Par­co. A distan­za di tre anni e mez­zo cir­ca la giu­sti­zia ha fat­to il suo cor­so e il col­pe­vo­le è sta­to condannato.”

La vicen­da non è era det­ta­glia­ta nel comu­ni­ca­to, i cac­cia­to­ri e la cac­cia non c’entrano, il truf­fa­to­re era un’azienda che lavo­ra­va per il par­co che si dove­va occu­pa­re di cat­tu­ra­re i cin­ghia­li sull’isola (con le appo­si­te gab­bie) e por­tar­li via e inve­ce “il bir­ban­te” pren­de­va i cin­ghia­li da altre par­ti e face­va fin­ta fos­se­ro sta­ti cat­tu­ra­ti all’Elba
( Edi­co­la Elba­na Show )

Un commento

  1. Federico

    La vicen­da non è era det­ta­glia­ta nel comu­ni­ca­to, i cac­cia­to­ri e la cac­cia non c’entrano, il truf­fa­to­re era un’azienda che lavo­ra­va per il par­co che si dove­va occu­pa­re di cat­tu­ra­re i cin­ghia­li sull’isola (con le appo­si­te gab­bie) e por­tar­li via e inve­ce “il bir­ban­te” pren­de­va i cin­ghia­li da altre par­ti e face­va fin­ta fos­se­ro sta­ti cat­tu­ra­ti all’Elba.

Rispondi