Skip to content

Interrogazione di Luigi Lanera sulle iniziative messe in campo per ridurre al minimo le emissioni di co2 delle navi in sosta nell’area portuale

Al pre­si­den­te del con­si­glio comu­na­le , Al Sig Sin­da­co Al Segre­ta­rio Comunale

Il decre­to attua­ti­vo per l’utilizzo dei fon­di del PNRR per i por­ti per oltre 2,8 miliar­di di euro per gli anni dal 2021 al 2026 è sta­to fir­ma­to dal Mini­stro del­le Infra­strut­tu­re e del­la Mobi­li­tà Soste­ni­bi­li- deno­mi­na­zio­ne non gra­di­ta da una par­te del mon­do del mare- ed è in via di regi­stra­zio­ne dal­la Cor­te dei Conti.
Sul Pia­no Nazio­na­le di Ripre­sa e Resi­lien­za era sta­ta acqui­si­ta l’intesa del­la Con­fe­ren­za Uni­fi­ca­ta Sta­to-Regio­ni e Auto­no­mie locali.
Ora le Regio­ni e le Auto­ri­tà por­tua­li dovran­no uti­liz­za­re le risor­se che han­no a dispo­si­zio­ne met­ten­do in atto i rela­ti­vi investimenti.
Gli inter­ven­ti sui por­ti riguar­da­no, in linea di mas­si­ma, lo svi­lup­po dell’accessibilità marit­ti­ma e del­la resi­lien­za del­le infra­strut­tu­re por­tua­li ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, l’elettrificazione del­le ban­chi­ne che con­sen­te di ridur­re le emis­sio­ni inqui­nan­ti del­le navi che sosta­no nei por­ti, l’aumento selet­ti­vo del­la capa­ci­tà por­tua­le, la rea­liz­za­zio­ne dell’ultimo miglio fer­ro­via­rio o stra­da­le e l’efficientamento energetico.
Il decre­to, oltre alla ripar­ti­zio­ne del­le risor­se disci­pli­na anche la tem­pi­sti­ca degli interventi.
Il sog­get­to attua­to­re per le tipo­lo­gie di inter­ven­to che riguar­da­no la Sar­de­gna, ad esem­pio e cioè l’AdSP del Mare di Sar­de­gna, per quan­to risul­ta, è inte­res­sa­ta per il por­to di Caglia­ri alla rea­liz­za­zio­ne dei ban­chi­na­men­ti del nuo­vo Ter­mi­nal Ro-Ro pres­so l’avamporto ove­st del por­to cana­le e all’impianto di ali­men­ta­zio­ne elet­tri­ca per le navi in sosta sem­pre del por­to canale.
L’alimentazione elet­tri­ca per le navi in sosta.
Il sot­to­scrit­to con­si­glie­re comu­na­le Lui­gi Lane­ra inter­ro­ga que­sta ammi­ni­stra­zio­ne per cono­sce­re qua­li ini­zia­ti­ve sia­no sta­te mes­se in cam­po al fine di con­sen­ti­re alle navi in sosta nel nostro por­to di poter­si col­le­ga­re alla rete elet­tri­ca al fine di ridur­re al mini­mo le emis­sio­ni di co2 nell area portuale .
Lui­gi Lane­ra con­si­glie­re comu­na­le e Resp Nazio­na­le Dipar­ti­men­to Poli­ti­che del­la navi­ga­zio­ne Fdi

Rispondi