Skip to content

A Mardilibri la Presentazione di “Storia di A” — Marco Belli

Pro­se­gue con suc­ces­so la ras­se­gna let­te­ra­ria di Mar­di­li­bri deno­mi­na­ta “Paro­le in cles­si­dra”, qua­ran­ta­cin­que minu­ti per rac­con­ta­re e rac­con­tar­si: Dome­ni­ca 1 ago­sto alle ore 19 sarà il tur­no di Mar­co Bel­li, inse­gnan­te, foto­gra­fo, gastro­nau­ta e som­me­lier, diret­to­re arti­sti­co di Elba Book Festi­val, mani­fe­sta­zio­ne cul­tu­ra­le giun­ta que­st’an­no alla set­ti­ma edi­zio­ne e che si svol­ge nel­la splen­di­da cit­ta­di­na di Rio nel­l’El­ba. “Sto­ria di A”, edi­to da Gra­phe e impre­zio­si­to dal­le illu­stra­zio­ni di Camil­la Lun­ghi, è “un rac­con­to leg­ge­ris­si­mo, ric­co di sce­ne spe­di­te e bril­lan­ti” (Anto­nio Castro­nuo­vo), la sto­ria di una mosca spe­cia­le, costrui­ta con il fil di fer­ro di una gab­biet­ta per cham­pa­gne dal­le mani di un poe­ta parigino,e che per caso fini­sce nel­le tasche di arti­sti e scrit­to­ri del­l’e­po­ca. A pre­sen­ta­re l’au­to­re e a dia­lo­ga­re con lui sarà Anto­nel­la Giu­zio che alla doman­da se il libro fos­se una favo­la per bam­bi­ni ci rispon­de: ” Par­le­rei più di una fia­ba per adul­ti eter­ni bam­bi­ni, adul­ti che vol­teg­gia­no con la fan­ta­sia dan­do vita a sto­rie mira­bo­lan­ti e avven­tu­ro­se. Il libro di Mar­co Bel­li è un flus­so di pen­sie­ri che par­te dagli ini­zi del Nove­cen­to e arri­va fino alla fine degli anni ’60, un viag­gio dal­la car­ta stam­pa­ta ai pri­mi scher­mi, dagli incon­tri nei fumo­si caf­fè pari­gi­ni fino ai libri che arri­va­no per posta; ritro­via­mo la magia e il per­so­nag­gio che svo­laz­za di quà e di là tra le mani dei per­so­nag­gi che han­no fat­to la sto­ria ci ripor­ta in quel tem­po. I pre­zio­si dise­gni del­l’ar­ti­sta Camil­la Lun­ghi raf­fi­gu­ra­no bene la viva­ci­tà e il vaga­re erran­te del buf­fo inset­to. ” Da saba­to 31 luglio saran­no espo­ste in libre­ria, in una pic­co­la mostra, le tavo­le ori­gi­na­li che tro­ve­re­te nel libro. Vi aspet­tia­mo come sem­pre anche per l’a­pe­ri­ti­vo alla fine del­la pre­sen­ta­zio­ne, in col­la­bo­ra­zio­ne con la Trat­to­ria la Bar­ca del­le Matte.

Rispondi