Skip to content

Diritto di replica: Per l’Asl anche dopo il taglio del medico, il pronto soccorso Elbano ha una dotazione organica adeguata

Egre­gio Diret­to­re Con­ti Alber­to, è pre­oc­cu­pan­te leg­ge­re con qua­le leg­ge­rez­za lei ha trat­ta­to il caso “Not­ti­na” del­l’o­spe­da­le di Portoferraio.Così come è inquie­tan­te e peri­co­lo­so per la sicu­rez­za di noi uten­ti leg­ge­re che lei, come Diri­gen­te, affer­ma qua­si con van­to che negli ospe­da­li che lei gesti­sce il medi­co del Pron­to Soc­cor­so è obbli­ga­to a fare 12 ore di lavo­ro sera­le e not­tur­no con­ti­nua­ti­vo da solo. LA STANCHEZZA è nemi­ca del­la luci­di­tà.

Dot­tor Con­ti, nel­la rispo­sta al nostro Comi­ta­to Elba Salu­te lei affer­ma che un medi­co solo al P.S. dal­le 20 alle 8 del gior­no dopo (ricor­dia­mo che sono 12 ore di lavo­ro con­ti­nua­ti­vo che anche a sta­re sedu­ti su una como­da pol­tro­na ver­reb­be il sede­re piat­to) garan­ti­sce in pie­na sicu­rez­za l’as­si­sten­za COVID e assi­sten­za anche ad altri pazien­ti NO Covid. Dot­to­re è sicu­ro di quel­lo che affer­ma? sono pesan­ti que­ste affer­ma­zio­ni.

Lei da due date il 26 e 27 novem­bre dove gli assi­sti­ti al P.S. sono sta­ti tali da giu­sti­fi­ca­re la tota­le sop­pres­sio­ne del ser­vi­zio di 4 ore del medi­co di sup­por­to sera­le e not­tur­no. Per­chè non ci par­la di qual­che sera dopo che per un COVID posi­ti­vo ( a dire dei paren­ti che cono­scia­mo) uno dei due medi­ci di ser­vi­zio ha impie­ga­to ore per tro­va­re dove tra­sfe­rir­lo men­tre l’al­tro visi­ta­va e cura­va altre per­so­ne in atte­sa??? Dot­to­re per­chè non dice agli Elba­ni quan­ti Covid posi­ti­vi sono sta­ti tra­sfe­ri­ti con gros­se dif­fi­col­tà (si par­la di ore al tele­fo­no) per tro­va­re un posto let­to in altri ospe­da­li dal 26/27 novem­bre ad oggi?

Dot­tor Con­ti, all’El­ba non abbia­mo un repar­to COVID, non abbia­mo una tera­pia inten­si­va dove far sosta­re un posi­ti­vo COVID o altri pazien­ti, non abbia­mo nean­che più una medi­ci­na di alta inten­si­tà per­chè ave­te deci­so di fare lavo­ri di ammo­der­na­men­to pro­prio ora in pie­na pan­de­mia e zona ros­sa. Così come non abbia­mo repar­ti ido­nei, con let­ti a dispo­si­zio­ne, dove poter subi­to rico­ve­ra­re chi al P.S. aspet­ta un let­to. Pur­trop­po lo aspet­te­rà per mol­te ore inta­san­do il P.S.

Dot­tor Con­ti, per nostra e vostra for­tu­na (ci cre­da più per vostra) all’El­ba ope­ra­no dei medi­ci che all’oc­cor­ren­za e sen­za Ria­ni­ma­zio­ne sal­va­no da un infar­to, da un ictus, da un P.S. sen­za medi­ci come è capi­ta­to poco tem­po fa cau­sa mal­tem­po e navi fer­me.

Per deci­de­re il taglio di per­so­na­le di una figu­ra così impor­tan­te per un pun­to di emer­gen­za urgen­za qua­le un P.S. insu­la­re e in un perio­do di pan­de­mia sen­za esse­re attrez­za­ti biso­gne­reb­be vive­re e lavo­ra­re in quel luo­go alme­no per un mese lascian­do a casa con­fort e pri­vi­le­gi tipi­ci di chi è sem­pre più lon­ta­no con la sua scri­va­nia, da real­tà di fron­tie­ra, spes­so dif­fi­ci­lis­si­me, come l’i­so­la d’Elba

Comi­ta­to Elba Salu­te.

(Fran­ce­sco Seme­ra­ro)

Commenta per primo

Rispondi