Skip to content

Alessandro Pugi: Ma che diavolo sta succedendo? Ma chi dirige l’Asl, è in grado di capire le problematiche elbane? E la Regione che cosa sta facendo?

Dal­la pagi­na Face­book di Ales­san­dro Pugi leg­gia­mo que­sto post con l’in­vi­to alla con­di­vi­so­ne e sic­co­me che quan­do si par­la di Sani­tà l’ argo­men­to a noi dell’ Edi­co­la sta mol­to a cuo­re, vi pro­po­nia­mo lo scrit­to di Ales­san­dro.

A vol­te le paro­le sono sus­sur­ra­te dal ven­to e diven­ta­no magia per le nostre orec­chie; altre vol­te, inve­ce, sono scrit­te su car­ta e han­no la stes­sa for­za deva­stan­te di un pugno in mez­zo allo sto­ma­co. Ed è que­sta secon­da sen­sa­zio­ne che spri­gio­na­no le paro­le scrit­te dal­la dire­zio­ne ASL rela­ti­ve alla sop­pres­sio­ne di uno dei medi­ci del pron­to soc­cor­so pres­so il nostro noso­co­mio. È incre­di­bi­le quan­to sta per veri­fi­car­si. Uno dei due medi­ci del pron­to soc­cor­so, infat­ti, ver­rà sop­pres­so nel­le ore sera­li e ottur­ne, lascian­do un solo medi­co a gesti­re le emer­gen­ze Covid e quel­le degli altri pazien­ti che si reca­no al pron­to soc­cor­so.
In pra­ti­ca, facen­do un sem­pli­ce esem­pio, all’arrivo di un infar­tua­to, il medi­co del P.S., che maga­ri sta visi­tan­do un pazien­te Covid, con tut­te le pro­te­zio­ni del caso, dovrà sce­glie­re qua­le del­le due emer­gen­ze sia quel­la da gesti­re pri­ma, con la “sem­pli­ce” dif­fe­ren­za di un aumen­to espo­nen­zia­le del rischio di con­ta­gio anche del pazien­te infar­tua­to. Tut­to que­sto è l’incredibile aggiun­ta alla man­can­za di posti let­to in medi­ci­na, cau­sa la chiu­su­ra dell’alta inten­si­tà per lavo­ri, la man­can­za di una car­dio­lo­gia, la man­can­za di una tera­pia inten­si­va, e ulti­mo, ma non con meno impor­tan­za, la sop­pres­sio­ne del­la Guar­dia Medi­ca, con ordi­nan­za nume­ro 107.
Ma che dia­vo­lo sta suc­ce­den­do? Ma chi diri­ge l’Asl, è in gra­do di capi­re le pro­ble­ma­ti­che elba­ne? E la Regio­ne che cosa sta facen­do?

E voi? cosa ne pen­sa­te? Lascia­te il vostro com­men­to sot­to que­sto post

Commenta per primo

Rispondi