Skip to content

Questa è una strage, Porto Azzurro nuovamente nel lutto per la perdita di Francesca Menini

A soli pochi gior­ni dal­la pre­ma­tu­ra mor­te di Sonia Orza­ti, Por­to Azzur­ro rispro­fon­da in un lut­to ingiu­sto, pre­ma­tu­ro e stra­zian­te.
Un’al­tra gio­va­ne ragaz­za, madre di una pic­co­la bam­bi­na che ormai da tem­po lot­ta­va come una guer­rie­ra con­tro un male sub­do­lo e ter­ri­bi­le è, nel­la gior­na­ta di ieri, pur­trop­po dece­du­ta.
Tan­ti i mes­sag­gi su Face­book per ricor­dar­la, come quel­lo di Ales­sia:

Ciao ami­ca mia, per noi non sarà un addio ma un dol­cis­si­mo arri­ve­der­ci.
Dol­cis­si­mo come te ami­ca mia, che hai scel­to me per con­di­vi­de­re il tuo pre­zio­sis­si­mo gio­iel­lo, la tua pic­co­li­na che ogni vol­ta appe­na mi vede pren­de la rin­cor­sa e mi sal­ta in brac­cio.
Tata Ale mi chia­ma­vi , ti pia­ce­va tan­to chia­mar­mi così.
Non rie­sco a tro­va­re le paro­le per descri­ve­re quan­to è gros­so il dolo­re che pro­vo, un pez­zo del mio cuo­re è vola­to via con te.
Gra­zie per tut­to quel­lo che mi hai inse­gna­to e per tut­to l’amore che mi hai dona­to.
Ti ave­vo pro­mes­so che ti avrei ripor­ta­to al mare con il mio pan­di­no come face­va­mo sem­pre, e inve­ce quel­la brut­ta bestia ha deci­so per noi .
Da sta­se­ra in cie­lo ci sarà una stel­li­na in più.
Gra­zie anco­ra, sei e sarai sem­pre una per­so­na fon­da­men­ta­le di me .
Ti voglio tan­to bene
Tata Ale .

Ti voglio ricordare..cosi..in que­sta bel­lis­si­ma foto, mi man­che­rà tan­tis­si­mo quan­do mi chia­ma­vi NASO GOMMOSO, insomma..cosa dirti..sei sta­ta una guer­rie­ra hai lot­ta­to fino alla fine..con corag­gio e determinazione..ti ammi­ro per que­sto!!! Mi scen­do­no le lacrime…ho per­so una ami­ca e una sorel­la d’infanzia..i voglio tan­to bene..un bacio­ne grande..il tuo naso gom­mo­so!
Vero­ni­ca

Alla fami­glia Meni­ni arri­vi tut­to il nostro affet­to in un momen­to dram­ma­ti­co come que­sto.
Una fami­glia ben­vo­lu­ta e sti­ma­ta da tut­ta la popo­la­zio­ne lon­go­ne­se, gen­te d’al­tri tem­pi, sem­pre dispo­ni­bi­li e gen­ti­li con tut­ti. Non meri­ta­va­te que­sto dolo­re cosi gran­de.
Un abbrac­cio fra­ter­no al mari­to Ange­lo e alla pic­co­la Michel­le.

Commenta per primo

Rispondi