Skip to content

Ciao Consuelo, il saluto delle tue amiche

Le bim­be del­l’El­ba­na, era l’ esta­te dell’84 e per gio­co ven­ne for­ma­ta la squa­dra di cal­cio fem­mi­ni­le. Subi­to quel­lo che bal­zò agli occhi e nel cuo­re di tut­ti era il bel­lis­si­mo grup­po di bim­be spen­sie­ra­te, con tan­ta voglia di diver­tir­si e sta­re insie­me. Ave­va­mo nel­la diri­gen­za, una don­na, sola­re, coin­vol­gen­te e minu­ta, con una grin­ta che con­qui­sta­va tut­ti e tut­te e che por­tò la figlia in squa­dra: que­sta eri tu Con­sue­lo, che ave­vi tut­te le sfu­ma­tu­re di tua mam­ma Dory un po’ meno il fisi­co, tan­to che ti fu asse­gna­to il ruo­lo di ter­zi­no. Con lei die­tro ave­va­mo com­ple­ta­to una dife­sa che era dif­fi­ci­le da espu­gna­re. Con i pie­di non era­va­mo ecce­zio­na­li ma a grin­ta non ci bat­te­va nes­su­na e soprat­tut­to nes­su­no sor­ri­de­va come noi. Tu eri grin­ta, for­za, dedi­zio­ne, capar­bie­tà, mai mol­la­re fino all’ul­ti­mo e poi fuo­ri dal cam­po era­va­mo una fami­glia e la tua fami­glia è diven­ta­ta anche la nostra, come ora un tut­t’u­no fino all’ul­ti­mo, nono­stan­te la malat­tia ti stes­se con­su­man­do. Sei sta­ta una gran­de don­na, una gran­de gio­ca­tri­ce, una gran­de ami­ca. Ci man­che­rai Consu.…ci man­che­rai infinitamente
Le bim­be dell’Elbana

Anche noi dell’ Edi­co­la Elba­na ci unia­mo al dolo­re per la scom­par­sa di que­sta gran­de don­na. Che la ter­ra ti sia lie­ve dol­ce Consuelo.

Rispondi