Skip to content

Patrì, unnè da te andattene cosi senza salutà.…

Che lavo­ri, o che manie­re sò? E te ne voi andà cosi, in un anno che dì, defi­nil­lo di mer­da mi sem­bra qua­si un com­pli­men­to.
Io Patrì un sò che dì sta­vol­ta, occo­me al tu topa­stro pre­fe­ri­to gli voi fà sti pez­zi?
Ma come me tan­ti altri ci so rima­sti male sà, leg­ge mpò che dice la gen­te:

Pa, non so se sto viven­do un brut­to incu­bo, non rie­sco anco­ra a cre­de­re a quel­lo che è suc­ces­so. L’ul­ti­ma vol­ta ci sia­mo sen­ti­te e come al soli­to ci si sfot­te­va degli acciac­chi. Ho lavo­ra­to con te per 18 anni. Mi hai pre­so in uffi­cio che ero una ragaz­zi­na, appe­na usci­ta dal diplo­ma e da lì mi hai inse­gna­to non solo il Lavo­ro, ma anche come muo­ver­si nel­la vita. Ti ricor­di Pa quan­do a lavo­ro ci pren­de­va la sma­nia del­la cioc­co­la­te? Anda­vo di cor­sa a com­pra­re una sac­chet­ta­ta di kin­de­ri­ni e fra un con­do­mi­nio da con­ta­bi­liz­za­re e una tele­fo­na­ta, i kin­der l’a­ve­va­mo spaz­zo­la­ti e giù a risa­te. Sia­mo par­ti­te con pochi con­do­mi­ni e poi sei diven­ta­ta la fer­ra­ri degli ammi­ni­stra­to­ri all’El­ba. Sei sta­ta sem­pre pre­sen­te sia nei momen­ti brut­ti che bel­li del­la mia vita. Anche quan­do deci­si di cam­bia­re lavo­ro ave­vi capi­to la mia esi­gen­za, e nono­no­stan­te tut­to mi sei sem­pre sta­ta vici­na. Sei sta­ta una don­na for­te, hai supe­ra­to tan­te dif­fi­col­tà hai cre­sciu­to le bim­be ren­den­do­li del­le don­ne in gam­ba. Ce ne fos­se­ro di don­ne come te. Mi hai inse­gna­to tan­to e te ne sarò sem­pre gra­ta, ma non chie­der­mi di non pian­ge­re e di non esse­re incaz­za­ta per­ché lo sono. Mi man­che­rai Pa e tan­to

Fede­ri­ca Bal­det­ti

Era­no i pri­mi anni ‘90 e lavo­ra­vo in ban­ca da poco quan­do ho cono­sciu­to Patri­zia Ardui­ni e Enri­co Toniet­ti, una cop­pia ecce­zio­na­le, affia­ta­ti nel­la vita affet­ti­va come in quel­la pro­fes­sio­na­le. Oggi, in que­sto gior­no, l’immagine che più visua­liz­zo è di loro due che veni­va­no alla cas­sa con il loro bel sor­ri­so e con i qua­li scam­bia­vo sem­pre del­le pia­ce­vo­li e sim­pa­ti­che con­ver­sa­zio­ni. Patri­zia è riu­sci­ta a rima­ne­re quel­la che era, una don­na dav­ve­ro in gam­ba e sola­re. Un abbrac­cio alla fami­glia da par­te di tut­ta l’edicola.

Fede­ri­co Regi­ni

Il Comu­ne di Capo­li­ve­ri si uni­sce al dolo­re del­la fami­glia per la pre­ma­tu­ra scom­par­sa del­la cara Patri­zia Ardui­ni.
Com­po­nen­te del Cda del­la socie­tà Caput Libe­rum srl e recen­te­men­te nomi­na­ta com­po­nen­te del Cda di Esa spa, Patri­zia è sem­pre sta­ta per­so­na ama­ta e sti­ma­ta da tut­ti.
Una per­so­na pre­sen­te per la sua comu­ni­tà e sem­pre in pri­ma linea per il pro­prio pae­se che ama­va.
Capo­li­ve­ri per­de una figu­ra di rife­ri­men­to di cui si ricor­de­rà sem­pre la gran­de uma­ni­tà e pro­fes­sio­na­li­tà.

Alla fami­glia tut­ta van­no le con­do­glian­ze del Sin­da­co Wal­ter Mon­ta­gna e di tut­ta l’am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le.

Suc­ce­de, all’im­prov­vi­so, quel­la tele­fo­na­ta a cui non vor­re­sti aver rispo­sto e, quel mes­sag­gio, che non vor­re­sti aver let­to.…
E come una tem­pe­sta i ricor­di ti sal­ta­no addos­so.… sono entra­ta in pun­ta di pie­di al Baluar­do e subi­to tu, Patri­zia Ardui­ni e Lorel­la, mi ave­te pre­so per mano e così, in bre­ve tem­po, sia­mo diven­ta­te le Sva­sa­te… comin­cia­va­mo a pro­get­ta­re sot­to l’om­brel­lo­ne a Mor­co­ne e poi, sen­za sosta, fino alla festa del­l’u­va, tra ricer­che e risa­te.
Non ci pos­so cre­de­re! Anco­ra no!
Un abbrac­cio a Non­na Nila Cam­mil­li­ni, a Sil­via Toniet­ti, ad Eri­ka Toniet­ti… ai tuoi gio­iel­li di nipo­ti.
Ciao Patri… sen­ti­re­mo mol­to la tua man­can­za

Chia­ra Marot­ti

Ieri pome­rig­gio, improv­vi­sa­men­te, ci ha lascia­ti Patri­zia Ardui­ni, una cara ami­ca ma sopra­tut­to una gran­de mam­ma e una gran­de don­na. Con lei ho fat­to un per­cor­so di vita e di gran­de col­la­bo­ra­zio­ne, a comin­cia­re dal­la Pre­si­den­za del­la Caput Libe­rum per pro­se­gui­re anche con il suo ingres­so nel con­si­glio di ammi­ni­stra­zio­ne di ESA. Sono pro­fon­da­men­te addo­lo­ra­to e non mi capa­ci­to di quan­to suc­ces­so. Anche a nome di tut­ta la comu­ni­tà capo­li­ve­re­se che ho avu­to l’o­no­re di ser­vi­re fino a qual­che mese fa espri­mo le più sen­ti­te con­do­glian­ze e un for­te abbrac­cio alle figlie Eri­ka, Sil­via e a tut­ta la fami­glia.
Ci man­che­rai, mol­to.

Rug­ge­ro Bar­bet­ti

Poi arri­va­no quel­le doc­ce gela­te… una per­so­na così gio­io­sa, capa­ce, intel­li­gen­te … una don­na , una for­za, un vul­ca­no di ener­gie e idee… una Gran­de Don­na d’esempio per tan­ti
Patri­zia Ardui­ni ci man­che­rai tan­to
Un abbrac­cio immen­so a Sil­via Toniet­ti , Eri­ka Toniet­ti e Miche­la Ardui­ni

Sil­via Sot­to­ca­sa

Cara Patri­zia, ce ne semo fat­te di risa­te eh… quan­do c’ era quel­lo che umma­ve­va mai visto e ti dis­se che mi vole­va pren­de a cal­ci in culo e te piscia­ta dal­le risa­te al tele­fo­no: ” C’è uno che ti vole pestà, ma un t hà mica visto…vacci un pò e poi fam­mi sapè, ma ugni­fà pren­de scos­se che è un bra­v’o­mo”…in que­sti anni ce ne semo fat­te di risa­te, o quan­do ero sul tet­to e ven­ne­ro quel­le dù milanesi…eh…giù unne­po­te­mo rac­con­tà tut­te, so cose nostre.
Oggi da ride un c’è nul­la, c hai cion­ca­to a tut­ti. Noi qui scia­bat­ti­che­re­mo a scor­dat­ti per­chè eri una bel­la per­so­na e in tan­ti t’ ave­mo volu­to bene.
Ciao Patrì
Il tu topa­stro

2 Commenti

  1. Marina

    Patri­zia era dav­ve­ro una per­so­na ecce­zio­na­le, gar­ba­ta uma­na pro­fes­sio­na­le sti­ma­ta da tut­ti e soprat­tut­to una gran­de mam­ma mi man­che­rà

  2. Lorena Ragoni

    ” NOI .… QUEI PERSONAGGI IN CERCA DI AUTORE”

    Incre­du­li e smar­ri­ti ci ritro­via­mo die­tro quel sipa­rio ormai chiu­so per sem­pre!
    Nel­la penom­bra del­le luci abbas­sa­te bran­co­lia­mo atto­ni­ti in atte­sa che qual­cu­no da die­tro le quin­te urli:
    ” ragaz­zi …ripro­via­mo, così non fun­zio­na”!

    TUTTO TACE

    Que­sta è una sce­na che non pos­sia­mo ripe­te­re, il copio­ne non può esse­re riscrit­to!

    Cara Patri­zia.
    i tuoi per­so­nag­gi non han­no arbi­trio, non vivo­no di vita pro­pria; la pen­na ami­ca ha smes­so di scri­ve­re ma ha lascia­to la sua impron­ta inde­le­bi­le nei nostri cuo­ri, nel­la nostra men­te, nel nostro spi­ri­to.

    Il Grup­po Tea­tra­le Capo­li­ve­ri Caput Mun­di

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: